lunedì 5 novembre 2018

Le foto che gli expat devono fare




Sono fissata con le foto da sempre. Sarà colpa di mia madre? Da piccola ricordo lei che mi segue con una macchina fotografica enorme e io costretta a mettermi in posa in ogni luogo e in ogni lago. Adesso sono felice di avere così tanti ricordi stampati ma allora era un incubo!

Ma veniamo al dunque. Sono expat da tanti anni e i miei figli hanno vissuto in così tanti posti che forse non se li ricorderanno mai tutti. E qui entriamo  in gioco io e la mia Canon (e più spesso il mio IPhone). Le foto che tutti gli expat devono fare assolutamente nella loro vita nomade!



Lo so che a molti non importa, i ricordi sono quelli che teniamo nel cuore e bla bla bla. Chi ride di me che scatto foto ad ogni cosa non sa che me le vado  a rivedere ogni tanto. E mi fanno stare bene. La mia casa in Serbia, quando eravamo solo io e mio non ancora-marito! La bandiera sarda appesa sopra quel divano blu scomodissimo. Il baretto in mezzo alla piazza di Vršac, con le poltroncine in vimini e un caffè buonissimo.  Il nostro primo appartamento a Cluj Napoca, con vista sui palazzoni comunisti bruttissimi ma in lontananza la foresta. La mega salita a Sofia che mi separava da quel centro commerciale così carino e con i giochi per la mia bambina quando il parco era immerso dalla neve. E il ristorante di sushi sotto casa che ormai era come una mensa! E il mio banco di frutta preferita a Lima! Con la signora che mi chiamava: "Caseraaaaa". Ho tutto li. Nel mio hd, nei miei album, e anche nel mio cuore.

Quindi sono qui e vi consiglio le foto da fare nella vostra vita expat. Per voi e per i vostri figli. E poi i vostri amici.  E per quando finalmente sarete in un posto che chiamerete casa e non dovrete più prendere aerei così spesso e vorrete sorridere con una tazza di caffè in mano.
Pronti?

1) CASA ESTERNI. Chi si ricorda del palazzo che sono andati a vedere la prima volta e dove poi hanno trovato casa? Io benissimo. Tutti. Anche avendo cambiato casa varie volte e in diversi continenti! Tutto grazie a orribili foto con la data impressa sopra prima e fantastiche foto panoramiche colorate dopo. Casette basse con il niente dietro in Serbia e un palazzone alto con parco dietro in Perù!

2) CASA INTERNI. Quando vado a vedere appartamenti scatto sempre foto. Per me, per rivederle poi con calma e decidere, e poi per averle come ricordo. Prima di me e dopo di me.  Sembra strano eh. Ma ricordami come ho trasformato la casa per renderla più "mia" mi mette allegria e riempie di orgoglio. E i tanti oggetti che mi porto in giro da sempre trovano nuova vita e nuova luce!

3) POSTI PREFERITI. Il baretto della colazione. Il supermercato più vicino. Il negozietto di curiosità. Il banco della frutta. Il parco più bello. La casa degli amici. Tutto quello che ora vi sembra scontato un giorno sarà un ricordo lontano e forse lo dimenticherete. Mi piace invece ritrovare la foto e pensare: ma quanto era orribile il caffè li?!

4) POSTO DI LAVORO O STUDIO. Se vi trovate all'estero per studio o lavoro, avete mai pensato di fare foto posto che frequentate tutti i giorni? Magari adesso lo odiate, ma chi lo sa se tra qualche secolo ne avrete nostalgia? Ok sono Pollyanna oggi!

5) SCUOLA. I vostri figli vanno a scuola? Avete fatto la foto di rito il primo giorno con la divisa nuova e la cartella mentre entrano? Non da postare sui social eh che ste cose non mi piacciono! Per voi. Per loro. Per tutte le taglie di divise che cambieranno. Per le diverse uniformi che hanno portato, nel caso dei miei figli, e per i denti che cadono e i capelli che crescono. Per l'emozione del primo giorno che invece non cambia mai.

6) AMICI. La mania dei selfie io ce la avevo da quando le macchine fotografiche lasciavano la data nella foto. Sfuocati e troppo vicini. Foto orribili davvero. Ma che ricordi! Chiedete alla mia amica Ga e lei potrà testimoniare! E pure le foto che mai pubblicheremo! Adesso che tutto è più facile e ci sono pure le app di foto ritocco uscite e fatevi la foto orribile con gli amici. Ne riderete al momento e quando sarete divisi da oceani!

7) AMICI DEI BAMBINI. Ho delle foto di mia figlia a Riyadh con la sua migliore amica. Sono bellissime e minuscole. Prese per mano in mezzo al deserto che esplorano il mondo. Io ricordo benissimo il giorno. Lei lo rivive con i miei ricordi e quelle foto che la fanno tanto ridere: ma ero così piccola mamma? E Arianna ora come è? Adesso sono passata anche alle Polaroid. Ne scatto sempre due, una per lei e una per la amica, così i ricordi rimarranno anche nel paese dove abbiamo vissuto e chissà dove andranno.

8) FOTO DI FAMIGLIA. Lo so che le fate solo nelle occasioni comandate. IO VI VEDO. Ma perché non farla anche di lunedì, durante la colazione. O la domenica al parco, tutti stesi nel prato a rilassarsi. O farsela fare da un passante in mezzo alla strada mentre andate a esplorare la città? Solo idee eh ma che bello rivederle e pensare; ma che stavamo facendo??

9) FOTO CASA VUOTA. Le avventure expat hanno data di scadenza. Nuova missione, nuovo cantiere, nuova avventura. Arrivano i traslocatori e di colpo la tua vita è chiusa in scatola pronta a partire. Ne ho fatte tante di queste foto. Non sono le mie preferite lo ammetto. Ma mi ricordano di godermi le città dove vivo, la casa che mi accoglie e i momenti belli. Pensare  a chi verrà dopo di me e farà colazione nel mio balconcino, chi sederà nel divano a guardare il parco al posto mio. Ogni tanto un po' di malinconia ci sta no?

10) PARTENZA. Passaporti in mano.  Sorrisi o lacrime, a voi la scelta. Davanti al portone di casa, o in aeroporto. Ogni partenza è un nuovo inizio. Non è il caso di immortalarlo che dite?

Avete altre idee in mente? Voi fotografate la qualunque come me o siete più razionali?
Fatemi sapere!
Nadia

1 commento

  1. Mi hai fatto venire voglia di riprendere la macchina fotografica in mano anche se adesso sono di nuovo in Italia!

    RispondiElimina

© Abaya and Heels
Maira Gall